Il Pastoral Counseling

Il termine Pastoral Counseling nasce in America attorno alla metà del XX secolo.

In un primo momento, significa essenzialmente counseling di pastori (nell’accezione protestante del termine), o di appartenenti alla sfera religiosa, in opposizione a qualsiasi altra professione che pure offriva counseling (come ad esempio il counseling finanziario o scolastico).

Negli Stati Uniti, i pastoral counselor spesso erano persone formate teologicamente che, successivamente, si erano formati anche come counselor. Nel mondo anglosassone europeo invece i counselor nascono prevalentemente come laici, membri di comunità per lo più cristiane, che hanno intrapreso una formazione professionale.

In Italia, il ritardo con il quale questa specializzazione si è andata diffondendo è compensato da una base laica sempre più estesa che, nel pastoral counseling, ha trovato una motivazione di riscoperta e approfondimento dei suoi ideali cristiani, spesso cattolici.

Il pastoral counselor integra la pratica del counseling con la teologia e la spiritualità della sua comunità di fede. In particolare, noi pensiamo il pastoral counseling come quel counseling che adopera le sue conoscenze teoriche (teologia, filosofia, psicologia, pedagogia, psichiatria, sociologia…) e i metodi clinici della psicologia secolare per realizzare un approccio olistico capace di integrare una dimensione spiritualmente e antropologicamente cristiana della vita e dell’esperienza di ciascun assistito.

 

 

SEDE LEGALE:

Seminario Vescovile, via Galileo Galilei,36 17031 Albenga (SV)

SEDI OPERATIVE:

ALBENGA: via Galileo Galilei,36 17031 Albenga (SV)

MARINA DI MASSA: ” CASA FACI” via Lombardo Ernesto,16 54100 Marina di Massa (MS)

Istituto Studi e Ricerche di Pastoral Counseling

error: Content is protected !!